libri

Le parole della memoria

I testi di cui si propongono alcuni brani sono fra i più precoci che siano stati scritti sull’esperienza drammatica del Lager. Infatti Luciana Nissim e Primo Levi pubblicano, a poca distanza l’una dall’altro, (Luciana nel 1946 i “Ricordi della casa dei morti”, Primo Levi nel 1947 “Se questo è un uomo”) la loro testimonianza sulla prigionia nel campo di sterminio di Auschwitz. I due testi vengono pubblicati da piccoli editori: quello della Nissim da Ramella, quello di Levi, nella prima edizione, da De Silva. E cadono presto nell’oblio. Tuttavia il volume di Levi verrà successivamente ripubblicato da Einaudi, nel 1958, ottenendo con quella edizione il successo che meritava; da allora in poi Levi è diventato uno scrittore noto a livello internazionale, mentre il testo della Nissim è stato ripubblicato solo nel 2007 presso la casa editrice La Giuntina.
Si tratta di testi diversissimi, che nascono tuttavia da una volontà comune: quella di testimoniare quanto era accaduto a loro e nello stesso tempo dall’ intento di dare voce a quanti non avevano fatto ritorno, in particolare in questo caso sulla fine atroce di Vanda Maestro e di Franco Sacerdoti.

Primo Levi - Se questo è un uomo - Prima edizione
1947 De Silva

Luciana Nissim - Ricordi dalla casa dei morti -
Prima edizione Ramella 1946








INSMLI

Mostra multimediale interattiva
Torino • 27 Gennaio | 20 Marzo 2010
Fossoli • 25 Aprile | 11 Luglio 2010
5-20 Settembre 2010
Roma • 12 Ottobre | 27 Novembre 2010